+39 348 8097918 / +39 328 2515230 / +39 328 3120525info@farfalleincammino.org
Italiano  English

La Lunigiana lascia la sua impronta in Toscana

Home / Archivio / La Lunigiana lascia la sua impronta in Toscana

Francigena e i Cammini, l’impronta sostenibile della Toscana è il titolo del Convegno che si terrà il 3 e il 4 marzo a San Miniato (PI) finalizzato a promuovere gli itinerari turistici del territorio, le risorse e le opportunità per un’ulteriore crescita economica. Scritto così può sembrare il solito convegno sul turismo e sulla Via Francigena, come ce ne sono stati tanti negli ultimi anni a livello locale, regionale e nazionale, questa volta invece vi raccontiamo perché potrebbe essere differente.

Intanto il 2017 è un anno importante per la Toscana e per il viaggio “slow”. Lo scorso 27 gennaio, infatti, è stato inaugurato ufficialmente l’Anno Internazionale del Turismo Sostenibile, un progetto che vuol promuovere il settore del travel partendo dai concetti di etica, responsabilità e attenzione all’ambiente. Gli stessi valori sono anche i pilastri di alcuni itinerari e percorsi che, da sempre, la Toscana valorizza. Si pensi alla Via Francigena e ai cammini della fede nella natura. Di questo se ne parlerà in maniera approfondita il 3 e 4 marzo in occasione di un convegno a San Miniato. L’evento è organizzato dalla Regione Toscana, da Toscana Promozione Turistica e dal Comune di Sam Miniato e sarà un occasione per fare il punto sullo sviluppo della Francigena come prodotto turistico sostenibile e l’importanza degli itinerari culturali e religiosi come risorse e opportunità per un ulteriore sviluppo del territorio.

Questo è già un buon punto di partenza, a questo aggiungiamo almeno tre aspetti degni di interesse per tutta la Lunigiana:

  • Durante il convegno sarà presentato il progetto “Google-Trekker Francigena Toscana” a cui Farfalle in Cammino ha collaborato trasportando lungo la Via Francigena di Lunigiana, dal Passo della Cisa sino oltre Aulla, il “Trekker”, lo zainone con antenna gps e telecamere per tracciare e fotografare il territorio, esattamente come le automobili di Google Street View. Tra poco tempo sarà possibile per chiunque visionare la Via Francigena Toscana e Lunigianese dal proprio PC o Smartphone, una incredibile promozione;
  • Venerdì 3 Marzo alla presenza del Presidente della Regione e dell’Assessore al Turismo verrà firmato un patto di collaborazione tra le 4 aggregazioni dei 39 Comuni che proprio in questi giorni è nell’ODG dei vari Consigli comunali dei comuni interessati. Di cosa si tratta? Di un patto tra Gruppi di Comuni, chiamati Aggregazioni, per la gestione integrata della manutenzione della via, della sua Promozione e dei Servizi. Conoscendo la non uniformità che spesso si incontra lungo la Via non possiamo che essere favorevoli a questa proposta di Regione Toscana. Sottolineiamo inoltre che è un primo passo, anche se limitato alla sola Via Francigena, verso la tanto agognata richiesta da parte degli Operatori turistici e i professionisti del settore per la creazione di una “destinazione turistica Lunigiana” e quindi progettazione turistica, promozione ed economie gestite in maniera comprensoriale;
  • Anche la Lunigiana sarà presente e non è cosa da poco! Infatti Venerdì 3 Marzo, all’interno del Programma ufficiale, nella discussione  “Le realtà economiche intorno alla Francigena: opportunità del territorio”, interverrà Simona Polli, Presidente di Sigeric – Servizi per il Turismo e socia di Farfalle in Cammino. Un grande onore essere scelti, in una Regione come la Toscana dove gli esempi virtuosi in questo settore non mancano, tra le Best Practice e essere chiamati a raccontare il proprio lavoro e le proprie proposte turistiche lungo la Via Francigena e non solo. A riprova di quanto affermato da Alberto Peruzzini, Presidente di Toscana Promozione, pochi mesi fa a Terrarossa sul fatto che solo ora la Lunigiana sia riuscita a colmare il “gap” con altri territori ed abbia, finalmente, quei servizi turistici che la nobilitano a “destinazione turistica”. Ora spetta ai Sindaci muoversi tutti nella stessa direzione, siamo fiduciosi.

A Simona abbiamo chiesto una impressione su questa convocazione

Sigeric è nata solo nel 2015 ma su solide basi, quelle personali di ciascuno di noi, grazie alla propria professionalità, e quelle acquisite nell’esperienza decennale in Farfalle in Cammino.I successi dell’attività associativa di Farfalle in cammino ci hanno reso consapevoli del potenziale turistico della Lunigiana al punto da convincerci a consolidare quest’esperienza in un soggetto economico in grado di fornire servizi qualificati e creare sviluppo in un’area che vede sempre più l’abbandono delle attività produttive e l’emigrazione dei giovani, grazie anche alla collaborazione di numerosi Enti e realtà private. Oggi, questa convocazione al Convegno (assieme ad altre arrivate negli ultimi mesi, come per la BTO a Firenze) ci indica di essere sulla strada giusta, non solo per noi ma per tutta la Lunigiana.

In quanto alla firma del Patto di collaborazione tra aggregazioni di comuni non può che trovarci concordi. Lo riteniamo un primo passo importante per un lavoro di squadra sul tema Turismo che le amministrazioni comunali lunigianesi devono necessariamente compiere. Alla aggregazione di cui farà parte la Lunigiana diamo la nostra massima disponibilità a collaborare per raggiungere gli obiettivi comuni.

Ecco il programma completo: http://www.toscanapromozione.it/magazine/francigena-cammini-limpronta-sostenibile-della-toscana/

Recommended Posts
Contattaci

Per qualsiasi informazione o richiesta non esitare a contattare le Farfalle in Cammino