+39 348 8097918 / +39 328 2515230 / +39 328 3120525info@farfalleincammino.org
Italiano  English

Cisa Romana, in Mostra sino al 17 Dicembre

Home / Arte, storia e cultura / Cisa Romana, in Mostra sino al 17 Dicembre

Imperdibile sino a 17 Dicembre, a Parma, Palazzo Bossi Bocchi – Fondazione Cariparma, la Mostra ALLA SCOPERTA DELLA CISA ROMANA a seguito delle campagne di Scavi archeologici condotti negli ultimi anni alla Sella del Monte Valoria da Archeologi coordinati dal Dott. Angelo Ghiretti, anche Direttore del Museo delle Statue Lunigianesi a Pontremoli. Una tessera fondamentale nella Storia dell’Area Vasta che da Parma, dalla Via Emilia, dalla Pianura arriva al Mare Ligure Tirreno attraverso gli Appennini.

Cisa Romana, la tessera da mosaico che ha rivoluzionato la storia Parmense

di Raffaele Castagno – La Repubblica Parma 29 settembre 2017

Il ritrovamento di un antico punto di valico a Sella del Valoria dove è stata portata alla luce un’area sacra. Recuperate oltre 300 monete di età romana. Dal sette ottobre una mostra a palazzo Bossi Bocchi

Nel 2011 il ritrovamento di una minuscola tessera da mosaico ha rivoluzionato la storia parmense d’età romana: si tratta dell’individuazione di un antico punto di valico della via romana da Parma a Luni (sul mar Ligure) in località Sella del Valoria (tra Berceto e Pontremoli). Un’importante scoperta archeologica che, in parte, modifica le ipotesi storiche che sino ad ora vedevano nel passo della Cisa l’unico valico transappenninico tra Parmense e Lunigiana. I risultati degli scavi condotti dall’equipe dell’archeologo Angelo Ghiretti sono al centro della mostra “Alla scoperta della Cisa romana”, ospitata a Palazzo Bossi Bocchi, dal sette ottobre al 17 dicembre. Un’iniziativa della Fondazione Cariparma, che ha finanziato le tre campagne di scavo. LE SCOPERTE – Le ricerche, oltre a recuperare altre 17 tessere di mosaico, probabilmente perdute da un carico in transito, hanno svelato un’area sacra con doni votivi cronologicamente estesi fra la tarda età del ferro e il tardoantico, dove l’epoca romana è certamente la meglio rappresentata, con centinaia di offerte monetali pro itu et reditu, per garantirsi cioè la protezione del dio all’andata e al ritorno del viaggio. Molto numerosi sono anche i militaria: reperti quali punte di giavellotto, borchie di calzari militari, frecce d’arco d’età tardo-repubblicana, testimonianze del passaggio di armati, in alcuni casi utilizzate come doni votivi alla divinità a cui, al colmo del valico, era dedicato un piccolo sacello, aedicula, eretto negli anni della romanizzazione del territorio tra 190 e 180 a.C. Proprio attorno ad esso, segno della consacrazione romana del valico, furono poste nei secoli centinaia di fossette votive con all’interno un dono al dio, in genere una moneta. Dall’esame delle 316 monete d’età romana rinvenute è possibile risalire ai tempi, più o meno intensi, di frequentazione del percorso: si è così accertato, in base a circa 200 di esse, come grandi traffici dovettero scorrere nei decenni successivi alla fondazione di Parma (183 avanti Cristo); le rimanenti  appartengono al periodo tardoromano (quarto-quinto secolo dopo Cristo), mentre sono assenti monete per i secoli del periodo imperiale. La circostanza si spiegherebbe con lo spostamento della strada dal Valoria alla Cisa tra primo e terzo secolo dopo Cristo, forse a causa di una frana intervenuta nel versante lunigianese; la realizzazione di questo nuovo asse, come suggerisce l’interpretazione dei reperti, avvenne sotto l’auctoritas di Augusto imperatore, patrono probabilmente di Parma come di Luni. Dopo il terzo secolo dopo Cristo la crisi economico-militare determinò l’abbandono del nuovo percorso e la ripresa della pista di crinale del Valoria, priva di infrastrutture e quindi sempre efficiente, come dimostrano le ultime offerte monetali, assegnabili ai secoli quarto e quinto. La frequentazione del valico si chiuse con l’invasione longobarda (anno 568) avvenuta almeno in parte forse attraverso il Valoria, come indicano alcuni reperti datati appunto alla seconda metà del sesto secolo. Con la fondazione dell’abbazia bercetese ad opera del re longobardo Liutprando (712) la strada della Cisa riaprì il suo percorso dotandolo di xenodochi (ospizio per pellegrini e viaggiatori, come a San Benedetto di Montelungo) e il Valoria si ridusse allora a un ruolo solo locale.

LA MOSTRA - E proprio in occasione dei 2.200 anni dalla fondazione della colonia romana di Parma ad opera del console Marco Emilio Lepido l’avventura archeologica della Sella del Valoria è raccontata dalla mostra Alla scoperta della Cisa romana. La Sella del Valoria organizzata da Fondazione Cariparma presso la propria sede di Palazzo Bossi Bocchi. L’esposizione si articola in quattro sezioni: un’introduzione dedicata alla romanizzazione del territorio parmense (con il bellissimo ritratto in marmo del console Lepido da Luni), la strada per Luni e la conquista militare del territorio, la frequentazione del valico dalla Preistoria all’Altomedioevo, l’area sacra romana con le sue testimonianze. Due filmati documentari ed un’animazione didattica accompagnano il visitatore lungo il percorso, dove sono esposti i reperti più significativi. Eventi collaterali alla mostra saranno: la conferenza del curatore, Angelo Ghiretti (martedì 24 ottobre alle 17) e le visite guidate del giovedì pomeriggio alle ore 16. La mostra è inserita nel calendario di eventi del protocollo regionale “2,200 anni lungo la via Emilia”, firmato tra i Comuni di Modena, Parma e Reggio Emilia con tutti le Istituzioni regionali che fanno capo al Mibact, per celebrare le origini romane delle tre città.

Recent Posts
Contattaci

Per qualsiasi informazione o richiesta non esitare a contattare le Farfalle in Cammino