+39 348 8097918 / +39 328 2515230 / +39 328 3120525info@farfalleincammino.org
Italiano  English

Primavera a Villa Dosi Delfini

Home / Arte, storia e cultura / Primavera a Villa Dosi Delfini

Villa Dosi Delfini – il nuovo sito è online!

Finalmente online il nuovo sito di Villa Dosi Delfini, capolavoro del barocco pontremolese, iscritto al circuito dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli. Sul sito, qualche informazione storico-artistica e tutte le indicazioni per visitare la villa e per la possibilità di svolgervi eventi privati. Se ancora non avete visitato la villa e volete una piccola anteprima, una ricca sezione photogallery.

https://www.villadosidelfini.it/

Con la Pasqua, Villa Dosi Delfini riapre le porte ai visitatori

Tornano gli appuntamenti straordinari per visitare Villa Dosi Delfini, capolavoro del barocco pontremolese, da quest’anno iscritto al circuito dei Castelli del Ducato di Parma, Piacenza e Pontremoli. Il suo salone completamente affrescato, e le nove sale riccamente decorate e arredate, la rendono uno dei più preziosi scrigni di arte di tutta la Lunigiana.

La meravigliosa Villa dei Chiosi, raggiungibile a piedi attraverso un suggestivo viale di i pruni in fiore, sarà aperta

nei pomeriggi di

domenica 15 aprile

lunedì 30 aprile

sabato 02 giugno

domenica 03 giugno

per visite guidate solo su prenotazione (info@sigeric.it – +39 331 8866241). Tutte le informazioni sul sito internet www.sigeric.it

IMG_0487 2
Benvenuta Primavera: le fioriture del giardino di Villa Dosi Delfini
L’ingresso di Villa Dosi è incorniciato dallo splendido viale dei Chiosi, che in questo particolare periodo dell’anno si tinge del rosa dei pruni in fiore. All’interno, antiche fontane, statue che emergono dalle acque, e splendidi fiori. Oggi, di fronte alla facciata, anche due maestosi cedri del libano, piantati nel 1867 e oggi iscritti al Registro degli Alberi Monumentali della Regione Toscana. In questa vecchia foto, uno degli splendidi cedri, all’epoca piantato da poco tempo.
Nel corso della Seconda guerra mondiale, la cima degli alberi è stata “spuntata” dall’aviazione e da allora, raccontano i proprietari, questi alberi hanno smesso di crescere in altezza, per continuare a svilupparsi soltanto in larghezza.
Recommended Posts
Contattaci

Per qualsiasi informazione o richiesta non esitare a contattare le Farfalle in Cammino